Secondo uno studio, il fumo ucciderà 1 su 3  giovani in Cina

Uno studio pubblicato venerdì ha avvertito che circa un terzo degli uomini cinesi soffrirà di morte prematura, se non smettono di fumare in tempo. Secondo la ricerca entro il 2030, due milioni di persone moriranno ogni anno a causa del fumo. Il numero è due volte superiore a quella registrata nel 2010.

Secondo lo studio, pubblicato sulla rivista medica ” The Lancet”, due terzi dei giovani del paese iniziano a fumare prima dei 20 anni. E circa la metà di questi uomini morirà a causa di quest’abitudine, conclude lo studio.

Per giungere a questa conclusione, gli scienziati hanno condotto due studi in ambito nazionale, a 15 anni di distanza uno dall’altro. La ricerca ha analizzato i dati di centinaia di migliaia di persone. Più della metà degli uomini cinesi fuma, ma solo il 2,4% delle donne nel paese hanno questa abitudine.

Lo studio è stato condotto dai scienziati dell’Università di Oxford, insieme con l’Accademia cinese delle scienze mediche e il Centro cinese per il controllo delle malattie. L’indagine ha mostrato che un aumento sostanziale dei prezzi delle sigarette potrebbe salvare milioni di vite nel paese.

Ma il co-autore Richard Peto ha detto che c’è speranza, finché le persone si convincano che devono smettere di fumare.”La chiave per evitare questo fenomeno è smettere di fumare, e, per i giovani, non cominciare “,- ha detto Peto.




“Senza un’azione rapida, diffusa e impegnata a ridurre i livelli di fumo, la Cina dovrà affrontare un numero enorme di morti premature”,- ha detto Li Liming, professore presso l’Accademia delle scienze mediche a Pechino , riferisce la  Reuters .

Il governo cinese ha fatto dei sforzi per frenare il fumo in alcune aree urbane, compreso il divieto di fumare nei luoghi pubblici.

Solo il 10 % dei fumatori cinesi smette di fumare per scelta. La maggior parte sono costretti a smettere perché troppo malati per continuare. La Cina è il più grande consumatore mondiale di sigarette – uno su tre sigarette fumate nel mondo si trova in Cina, paese il quale è anche il più grande produttore di tabacco.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Inline
Inline