Le 10 Droghe Più Pericolose

Per elencare le droghe più pericolose al mondo conosciute fino ad oggi sono stati svolti innumerevoli studi. Il problema che gran parte di questi studi hanno in comune è che sono concentrati sul fatto di cosa rende pericolose queste droghe. Ad esempio, quanto una droga può essere pericolosa per la società, se è pericolosa nel lungo o medo termine oppure quanta dipendenza può causare. Per rispondere, bisogna però considerare tutti questi fattori messi insieme.

In questo articolo ci concentreremo sulle 10 droghe più pericolose secondo il danno che causano alla persona che ne fa uso, tenendo presente di quanto sia tossica, di quanto possa distruggere l’umanità della persona che la usa e quanta dipendenza possa causare.

10. Ketamina

Alias: super K, ketamina, Special K, vitamina K
La ketamina è nota come anestetico dissociativo per i cavalli, anche se è stata creata per uso umano. Si supponeva che doveva sostituire la PCP / fenciclidina (polvere d’angelo) come un anestetico a minor effetto anche se viene ancora usata in certi casi. Tanti sono però gli effetti collaterali di questa droga, tra qui possiamo menzionare le allucinazioni. E questi effetti possono durare anche 2 o più ore. Il rischio maggiore a cui vanno incontro le persone che consumano ketamina sono rischi psicologici noti anche come “k-hole”. L’utilizzatore prova un completo distacco sensoriale paragonabile ad un’esperienza prossima alla morte. Esistono molto evidenze che confermano che la ketamina causa dipendenza. A parte questo, ci sono altri effetti collaterali come perdita di memoria e molti disturbi psicologici.

9. Anfetamina

Alias: Speed
Strano da dirsi però uno dei pochi casi in cui l’uso di anfetamina è legittimo è per trattare la sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Per molte persone l’anfetamina aumenta l’energia e la fiducia in se stessi.

Ci sono evidenze che anche l’anfetamina causa dipendenza. L’overdose di anfetamina non comporta conseguenze fatali però può portare ad arresto cardiaco, ictus o altri complicazioni cardiovascolari.

Uno dei peggiori effetti collaterali dell’anfetamina è la “speed psychosis”. Lo “speed” può essere formato da anfetamine, sostanze metanfetaminiche, anfetamino-simili come l’efedrina. Uno studio ha confermato che all’incirca 20% di chi usa anfetamina, ha sofferto di psicosi cronica come effetto collaterale. Il 15% invece non ha potuto mai riprendersi al 100%. I sintomi della psicosi da anfetamina sono uguali ai sintomi della schizofrenia con allucinazioni, manie di persecuzione e inquietudine estrema.

8. Benzodiazepine

Alias: BZD o BDZ, benzos
Il valium (diazepam) è uno dei sedativi più noti prescritti clinicamente. Le benzodiazepine hanno sostituito in buona parte l’uso dei barbiturici visti i minori effetti collaterali, sono largamente usate e dato che sono facilmente reperibili, molte persone tendono ad abusarne. Ciò che è veramente interessante è che i comportamenti problematici causati dall’uso delle benzodiazepine è contrario a quello che ci si aspetta da una sostanza considerata come sedativa. Il problema principale dell’uso cronico di benzodiazepine è lo sviluppo di tolleranza e dipendenza. Gli effetti collaterali più comuni sono legati agli effetti sedativi e all’azione miorilassante, come sonnolenza, vertigini, depressione o altro. Gli effetti a lungo termine dell’uso di benzodiazepine possono includere un deterioramento cognitivo e problemi comportamentali. Possono verificarsi anche sentimenti di agitazione, difficoltà nel pensare in modo costruttivo, aumento dell’ansia e della depressione.

7. Metadone

Alias: Polamidon, Dolophine
Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico e per ridurre l’assuefazione nella terapia sostitutiva della dipendenza da stupefacenti. Anche se è chimicamente differente dall’eroina e dalla morfina, ha degli effetti clinici simili. Da molti anni, viene usato nel trattamento della dipendenza da oppiacei, anche se è noto il suo potenziale rischio di dipendenza. In Italia sin dal 1980, il metadone viene utilizzato come sostituto dell’eroina contro i sintomi di astinenza da eroina ed oppioidi. Da alcuni decenni anche in Italia il metadone trova utile impiego nelle terapie del dolore oncologico o cronico in alternativa a morfina, idromorfone ecc. Gli effetti collaterali più gravi sono la depressione respiratoria, l’arresto respiratorio, shock ed arresto cardiaco. Gli effetti collaterali più frequenti sono: senso di vuoto, vertigini, nausea, euforia, insonnia, agitazione, disorientamento ecc.

6. Barbiturici

Alias: purple hearts
I barbiturici derivano dall’acido barbiturico ed agiscono sul sistema nervoso centrale causando effetti sedativi e anestetici. Erano largamente prescritti per trattare la depressione, l’ansia e anche i disturbi del sonno, fino a quando nel 1960 ne sono stati confermati gli effetti collaterali. Dal 1970 i barbiturici non si possono acquistare senza prescrizione medica. In campo medico sono stati sostituiti dalle benzodiazepine perché queste ultime sono meno pericolose in caso di sovradosaggio. Tuttavia i barbiturici sono ancora oggi utilizzati per l’anestesia generale, epilessia, emicrania acuta e anche per l’eutanasia. I barbiturici premono il sistema nervoso il quale di conseguenza dà una sensazione di relax e anche di euforia e possono provocare dipendenza, sia fisica che psicologica. Infatti, l’astinenza da barbiturici è la più difficile e può risultare anche fatale.

La vera minaccia dei barbiturici sta nella facilità con la quale l’utilizzatore può aumentare le dosi.

Rispetto alle atre sostanze, nel caso dei barbiturici, esiste una minore e finissima differenza fra “l’uso normale” e l’overdose. Durante gli anni si sono verificati vari casi di morte accidentale da overdose di barbiturici, come il caso di Marilyn Monroe o Jimi Hendrix.

Dato gli effetti collaterali anche “l’uso normale” dei barbiturici può risultare fatale.

5. Tabacco

Alias: sigarette, bionde
Quando un oggetto o una sostanza causa la morte di 20% della popolazione, ci si aspetta che qualcuno faccia qualcosa in merito. Però ecco che una delle droghe che causa maggiore dipendenza ed è causa di morte di milioni di persone, è perfettamente legale. Il fumo del tabacco e della carta che lo avvolge è costituito da almeno 4.000 sostanze tra le quali catrame, monossido di carbonio e nicotina. I filtri non eliminano le sostanze che arrivano nelle vie respiratorie, caso mai solo ne riducono la quantità. La nicotina stimola la liberazione di dopamina nel sistema nervoso centrale e di adrenalina. Dopo subentra un effetto deprimente che spinge a fumare ancora di più per provare di nuovo gli effetti positivi. La nicotina è considerata una droga a tutti gli effetti.

4. Alcol

Il fatto che l’alcol è legale in quasi tutti i paesi del mondo è il motivo perché questa sostanza è al quarto posto della classifica. L’alcol spesso viene considerato essere sia un tonico sia un veleno. Tutto dipende dalla dose. Bere in dosi moderate sembra essere vantaggioso sia per il cuore sia per l’apparato circolatorio. L’abuso invece può causare danni al fegato e al cuore, danneggiare il feto, contribuire depressione e violenza. L’organo più danneggiato dall’abuso di alcol è il fegato. Infatti, l’alcol ha una base genetica, nel senso che esiste una predisposizione individuale al consumo di alcol. L’astinenza da alcol è caratterizzata da tremori, nausea, ansia, insonnia, allucinazioni, confusione con disorientamento spazio-temporale, convulsioni ecc.

3. Metanfetamina

Alias: Ice, Shabu
La metanfetamina infatti esiste dal 1890. Il primo uso a noi noto è dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale come stimolate per i piloti militari e altri comandanti. Poi, è apparsa negli Stati Uniti verso gli anni 1950 come prodotto contro l’obesità. Vi ricordate di aver sentito parlare di certe pillole per perdere peso che però causano dipendenza, sì – erano metanfetamina! Questa sostanza stupefacente ha raggiunto notorietà poiché economica e facile da produrre.

Oggi giorno la metanfetamina ha un’altra reputazione. La metanfetamina è una di quelle sostanze gli effetti negativi della quale non hanno fine. L’utilizzo a lungo termine provoca dipendenza. Le persone che utilizzano abitualmente questa sostanza manifestano anche comportamenti violenti, ansia, paranoia e disturbi della personalità. La metanfetamina provoca effetti irreversibili sulle cellule cerebrali. Gli effetti di questa sostanza infatti durano ancora di più che quelli della cocaina.

Esistono varie evidenze che il consumo della metanfetamina causi danni anche alla materia grigia del cervello. Oggi giorno trova uso anche come afrodisiaco.

Uno dei principali e maggiori effetti collaterali di questa sostanza si verifica nella pelle della persona che ne fa uso, causano acne severa. Inoltre si hanno molti altri effetti come perdita di denti e capelli.

2. Eroina

Alias: skag, junk, la marrone
Ecco tre motivi perché l’eroina è al secondo posto. Primo, l’eroina è più pericolosa e rischiosa del metanfetamina. È più probabile morire per un’overdose di eroina che di metanfetamina. E ancora più fatali sono i risultati da overdose d’eroina, dato che è molto facile abusarne.

Per non parlare poi della crisi di astinenza, sempre e quando la persona intende rinunciare a questo vizio. L’eroina causa sia dipendenza fisica che psicologica.
Una delle peggiori proprietà dell’eroina, e anche la più pericolosa è quella di impossessarsi dell’anima della persona che ne fa uso. Nessun’altra droga è capace di rovinare la vita di una persona come l’eroina.

1. Cocaina

Alias: Coca, bamba, rock
Da alcune persone, la cocaina è considerata essere lo champagne delle droghe, grazie anche al prezzo. Infatti, ogni tipo di droga è sicuro che sarà pesante anche per le finanze. Dato che stimola euforia, energia e sensazione di sentirsi bene, non è una sorpresa, il fatto che sia tanto famosa e usata. L’utilizzo prolungato crea forte dipendenza psichica e fisica.

La dipendenza fisica è più facile da superare, invece quella psicologica è assai più difficile. Frequenti sono gli attacchi di panico e stati di profonda depressione, che possono durare anche alcune settimane. Il consumo prolungato porta a una progressiva modificazione dei tratti della personalità, sensazione di trovarsi in un ambiente ostile fino a causare disturbo paranoide.

Fonte: https://www.planetdeadly.com/human/10-dangerous-drugs

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Inline
Inline