6 Consigli, Approvati dalle Mamme, per Insegnare ai Bimbi a Cucinare

Consigli di Cucina per Bambini

Insegnare ai bambini a stare in cucina, rendendoli partecipi, sin dalla tenera età permetterà a loro stessi da adulti di essere in grado di cucinare per se stessi e per gli altri. Grazie a questi consigli i vostri bambini potranno imparare ad amare la cucina diventando adulti che ameranno e apprezzeranno il cibo fatto in casa. Ecco alcuni consigli per insegnare ai vostri bambini come cucinare divertendosi.

 

1.Stimolare il loro interesse.

Ti ricordi quando da ragazzino proprio non sopportavi una determinata pietanza ma i tuoi genitori ti costringevano a mangiarla per forza?

Il modo migliore per rende il cibo interessante è quello di intrigare piuttosto che costringere.

“Quando i bambini mostrano interesse in qualcosa che si sta facendo in cucina, coinvolgeteli – magari fateli mescolare una pastella o rompere le uova”, sostiene Sally G. da Kerman, California, madre e nonna, che ha tramandato le sue tradizioni culinarie per generazioni. “Se i vostri figli non sono così interessati, non spingeteli a provare. Basta fare quello che a loro piace fare, cantare una canzone ballare, mentre si continua con la preparazione degli ingredienti. Non mostrate alcuna delusione se non sono interessati alla preparazione. Saranno in ogni caso in giro per la cucina insieme a voi.”.

2.Apprezzare l’impegno dei bambini.

Non c’è niente di più frantumazione per un bambino che avere un adulto che lo rimprovera per aver combinato un danno. Nancy P., mamma da San Francisco, in California, spiega: “Siate pronti a lasciare che i vostri bambini facciano degli errori – Non cercate di correggere ogni loro mossa, a nessuno piace aver qualcuno sempre pronto a giudicare se ciò che facciamo sia giusto, o sbagliato, ovviamente il discorso non sussiste nel caso in cui il bambino sia in pericolo. Rovinare completamente l’impasto, sbagliare le dosi, ungere la padella in modo approssimativo, mescolare eccessivamente… Poco importa, anche commettere errori, li aiuteranno a conoscere. ”

Sally G. d’accordo. “Lodate ciò che i vostri figli hanno fatto e date loro suggerimenti per affinare le loro abilità senza farli sentire come se avessero  fallito. Per esempio, se alcuni pezzi di guscio d’uovo cadono nella loro ciotola, dite loro che hanno fatto un buon lavoro e insegnate come recuperare i pezzi di guscio magari facendoli credere che sia un gioco. “.

 

3.Aspettatevi un pasticcio ma bellissimi ricordi.

Quando si tratta di bambini in cucina è quasi impossibile ottenere risultati senza che tutta la cucina venga sporcata, ma anche questo farà parte dei ricordi da custodire. Amanda R., mamma di New York dice: “Io e mia figlia di 5 anni amiamo cucinare insieme. Una delle nostre prime ricetta fatte insieme sono stati i biscotti al cioccolato. IL primo risultato fu un disastro. La cucina in disordine, gusci d’uovo nell’impasto ma è stato bellissimo”.

Marj D., una mamma del Colorado, ricorda la prima esperienza con la figlia più piccola nella preparazione dei biscotti. “Stavo cercando di mostrarle come usare il setaccio per la farina. Le avevo dato un setaccio più piccolo tutto per lei ma non era in grado di premere e rilasciare la maniglia. Il risultato?

Lei non solo era completamente ricoperta di farina ma aveva anche la lingua di fuori quasi quel gesto contribuisse in qualche modo alla setacciatura.”

 

4.Ricette e pasti a tema.

Fare pasti o piatti particolari catturerà l’interesse del bambino. Betty G., mamma e nonna da Fresno, California, spiega: “Ogni bambino ama fare e decorare biscotti e cupcake con caramelle e glassa, come una caramella di mais per Halloween e caramelle cuori per San Valentino. Un’altra idea – in particolare per i ragazzi – è quella di decorare i dolci con cose che a loro piace fare, come lo sport. Basterà insegnarli come preparare cupcake o biscotti che assomigliano a una palla da baseball, per esempio.

5.Pianificate i pasti.

Marj D. suggerisce di coinvolgere i bambini nella pianificazione dei pasti. Lasciatevi aiutare nella pianificazione. Date loro la possibilità di scegliere antipasti e contorni. È possibile spiegare loro come e perché scegliere determinati alimenti (colori, elementi nutritivi, ecc).

 

6.L’importante non è ottenere un piatto perfetto.

Mamma Gayle T. considera il tempo passato a cucinare con i suoi bambini come tempo di qualità che si trascorre in famiglia. Proprio di recente ha chiesto alla figlia di aiutarla cucinare e sua figlia ha prontamente accettato. Gayle spiega con affetto: “Abbiamo fatto tanto disordine in cucina. Abbiamo riso, assaggiato il cibo e abbiamo trascorso del tempo insieme divertendoci.”.

Marj D. concorda e aggiunge: “Non aspettatevi alcun tipo di risultato, fate in modo di avere tempo a disposizione da trascorrere in cucina con i bambini.” Gayle T. conclude: “Non si tratta tanto del risultato finale ma del processo di creazione. ” Godetevi il vostro tempo in cucina con i bambini.




 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Inline
Inline