10 Vantaggi e Svantaggi del Lavorare come Freelancer

Vantaggi

1. Orario flessibile 

Il primo vantaggio nel lavorare come freelancer è che si può lavorare a qualsiasi orario. Siete voi a scegliere per quante ore lavorare e quando iniziare a lavorare. Se volete dormire fino alle 12:00 siete liberi di farlo. Desiderate riposare durante il weekend per esplorare la città? Fate pure. Come freelancer potete lavorare durante le ore più adatte per voi, durante le ore che riuscite a concentrarvi di più, qualsiasi ora sia.

2. Controllo sullo staff e i clienti 
Quando si lavora per un’altra persona non si ha la possibilità di scegliere il personale o i colleghi con i quali lavorare. Lo stesso dicasi anche per i clienti. Un freelancer è libero di scegliere con chi lavorare o collaborare. Se non andate d’accordo con un certo cliente, allora basta dirglielo ed ecco fatto.

3. Lavorare da qualsiasi location 
Indipendentemente se vi piace lavorare sempre nello stesso posto o se vi piace cambiare spesso, la scelta dipende da voi. Potete scegliere di lavorare da un bar o durante le vacanze in Asia. Non siete costretti a lavorare tra le quattro mura di un ufficio. Potete trovate il posto che vi piace di più. Potete lavorare dal parco, dal bar, dalla libreria oppure dalla camera da letto.

4. Siete voi il capo
Non dovete dare spiegazioni a nessuno in merito ai clienti o ai vostri orari. Siete liberi di scegliere quello che vi sembra più adatto.

5. Tutti i benefici sono vostri
Non dovete più accontentarvi di uno stipendio fisso ogni mese indipendentemente dal successo dei progetti su cui state lavorando. Lavorare come freelancer significa anche ricevere tutti i benefici del lavoro svolto e questo vi dà la possibilità di gestire come meglio credete le entrate in modo da migliorare ed espandere anche la vostra attività.




Svantaggi

1. Il lavoro non è sempre stabile
Per sfortuna lavorare come freelancer significa anche doversi confrontare con periodi di lavoro ed entrate instabili. Per la maggior parte del tempo, non dipenderete da un grande progetto o cliente stabile, come in un lavoro “normale” dove vi aspetta uno stipendio a fine mese.

2. Distinguere la vita personale da quella professionale  
Essere il capo di se stesso e lavorare da casa significa anche difficoltà nel distinguere tra la vita personale e quella professionale. Questo significa, che potete lavorare per molte ore non trovando il tempo da dedicare alla vostra vita personale o viceversa.

3. Camminare di più 
Siete voi la persona incaricata di trovare i clienti e progetti su cui lavorerete. Avere un lavoro tradizionale, significa che i progetti e i lavori vi vengono assegnati da qualcun’altro mentre che un freelancer deve camminare per raggiungere i clienti e trovare progetti.

4. Non ricevere uno stipendio a fine mese
Lavorare come un freelancer significa doversi assumere anche il rischio di non percepire uno stipendio a fine mese. Questo è abbastanza comune nel mondo dei freelancer.  Ovviamente esistono dei modi per prevenire i vari problemi con i pagamenti dei clienti o altri collaboratori, però a volte il rischio non si riesce a percepire prima che sia già troppo tardi.

5. Non ci sono le dovute ricompense 
Forse lo stile di vita del freelancer non conviene dal punto di vista della salute. Lavorare come un freelancer significa anche dover rinunciare alle vacanze e agli altri benefici che può avere un impiegato “tradizionale”.

Conclusione
Il freelancing ha aspetti positivi e negativi, basta decidere se siete nelle condizioni di poter affrontare tutti i rischi. Freelancing significa libertà e insicurezza professionale nello stesso tempo. Però se decidete rischiare la stabilità che può darvi un lavoro tradizionale per fare un lavoro che rispecchia di più le vostre preferenze e abilità come freelancer avete la possibilità di crearvi un nome e una reputazione degna per raggiungere tutti i vostri obiettivi professionali.




Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Inline
Inline